“Se viene neve” sul Messaggero Veneto

maggio 23, 2011

Ecco l’articolo del Messaggero Veneto (a firma di Sara Moranduzzo) apparso il giorno prima della lettura scenica di “Se viene neve” nel borgo abbandonato di Palcoda. Per vedere il pdf clicca qui.

Annunci

Vino di Lei: incontro con EMANUELE TONON

maggio 22, 2011

Secondo appuntamento di “Vino di Léi”, rassegna di tre appuntamenti tra maggio e giugno: una serie di incontri che ci portano a scoprire i giardini privati delle case di Muzzana del Turgnano. Scrittori, poeti, personaggi della cultura e cantautori si esibiscono e dialogano in un’atmosfera intima e familiare. Alla fine di ogni evento una Cantina del territorio presenta la propria produzione di vini accompagnata da un piccolo buffet. Dopo l’accoppiata Pierluigi Di Piazza e Angelo Floramo, il secondo appuntamento avrà come ospite EMANUELE TONON con il suo ultimo libro Il nemico che sarà presentato dal critico e conduttore radiofonico PAOLO CANTARUTTI.

sabato 28 maggio, ore 18.00
giardino di casa Turco Bruno e Tollon Claudine
via Molino
Muzzana del Turgnano (Ud)

presentazione del libro

Il nemico
Romanzo eretico
di Emanuele Tonon

Interverranno
l’autore Emanuele Tonon
il critico Paolo Cantarutti

A seguire degustazione dei vini dell’Azienda agricola Riz Paolo (Brazzano di Cormons)

In caso di maltempo la serata si terrà all’interno di Villa Muciana (Piazza San Marco)

Un romanzo in due parti. Emanuele Tonon costruisce, con padronanza assoluta dello stile, una sconvolgente epica familiare. Attraverso uno spietato alternarsi di alto e basso, di letterarietà e trivio, di preghiera e bestemmia, Tonon trasforma la scrittura in un rituale esoterico per denunciare l’insopportabile ingiustizia dell’esistere. Tra vita quotidiana e invettiva spirituale, uno spaccato struggente e indimenticabile del Nordest italiano profondo. Vita di fabbrica, vino, infortuni sul lavoro, un Benelli scassato, internet e le voci dei morti, tutto concorre a fare di questo libro una potente, macabra, stupenda eresia. Il nemico è il blasfemo, feroce atto d’accusa di un uomo contro Dio: quel Dio assoluto e fallace che, se anche esistesse, dovrebbe rispondere del crimine odioso di consentire il dolore, la morte, il tradimento.

Emanuele Tonon è nato nel 1970 a Napoli. Vive in provincia di Gorizia. È teologo-operaio.


Vino di Lei: incontro con PIERLUIGI DI PIAZZA

maggio 12, 2011

Circolo culturale Artetica

Ritorna “Vino di Léi”, rassegna di tre appuntamenti tra maggio e giugno: una serie di incontri che ci portano a scoprire i giardini privati delle case di Muzzana del Turgnano. Scrittori, poeti, personaggi della cultura e cantautori si esibiscono e dialogano in un’atmosfera intima e familiare. Alla fine di ogni evento una Cantina del territorio presenta la propria produzione di vini accompagnata da un piccolo buffet. Il primo appuntamento avrà come ospite PIERLUIGI DI PIAZZA che presenterà il suo ultimo libro Fuori dal Tempio che sarà presentato dal critico ANGELO FLORAMO.

sabato 21 maggio, ore 18.30
giardino della famiglia Petris
vicolo del Parroco
Muzzana del Turgnano (Ud)

presentazione del libro

Fuori dal tempio
La Chiesa al servizio dell’umanità
di Pierluigi Di Piazza

(Laterza)

Interverranno Pierluigi Di Piazza
e il critico Angelo Floramo

A seguire degustazione dei vini dell’Azienda agricola Sirch (Albana di Prepotto, Udine)
In caso di maltempo la serata si terrà all’interno di Villa Muciana (Piazza San Marco)

«Siamo quasi a metà agosto 2010. Ieri è iniziato il Ramadan. Diversi ospiti del Centro Balducci sono di fede musulmana. Ieri sera dalle ore 22, per circa 45 minuti, un gruppo di loro ha vissuto il momento della preghiera, nel silenzio circostante. Accanto c’è la chiesa della parrocchia di Zugliano. Questo momento serale continuerà per tutto un mese. Non si incontrano astrattamente le culture, né le fedi religiose, ma le persone con le loro storie. Accanto all’abitazione in cui vivo, nella casa ‘canonica’ come si usa definire l’abitazione del parroco, da poco più di un anno è ospitata una famiglia: papà, mamma e figlio di otto anni. Il papà è seriamente ammalato. Sono di fede musulmana, fedeli praticanti. A me pare un segno positivo che in una casa canonica del Friuli un prete cattolico e una famiglia musulmana vivano nella stessa abitazione, entrino per la medesima porta, salgano le stesse scale; bussino alle rispettive porte se c’è bisogno di qualche cosa»: in queste pagine parla don Luigi Di Piazza fondatore, fra l’altro, del Centro di accoglienza per stranieri “Ernesto Balducci” che ha cambiato radicalmente anche la fisionomia del piccolo paese friulano di Zugliano. Dal 1992 a oggi sono state ospitate circa 450 persone provenienti da molti paesi africani, sudamericani, ex Jugoslavia e Europa dell’Est. Persone singole, famiglie, donne sole con i bambini sono state seguite da una cinquantina di volontari. Oltre che un luogo di accoglienza, il Centro è un luogo di incontro fra esponenti di diverse religioni e di partecipazione civile: dalla visita nel 2007 del Dalai Lama a quella di una delle fondatrici dell’associazione argentina “Madres de Plaza de Mayo”.


Se viene neve

maggio 3, 2011

LA BOTTEGA ERRANTE ABITA IL BORGO ABBANDONATO DI PALCODA

l’Associazione culturale BOTTEGA ERRANTE e il Comune di Tramonti di Sotto

presentano

SE VIENE NEVE di Mauro Daltin

SABATO 14 MAGGIO

ore 14
Borgo abbandonato di Palcoda. Lettura scenica, racconti e canti Se viene neve
testo di Mauro Daltin
regia di Nicoletta Oscuro
voci di Federico Scridel e Nicoletta Oscuro
musiche di Alessio Velliscig

ore 17
Sala polifunzionale della Pro Loco di Tramonti di Sotto. Canti e racconti I borghi abbandonati
testi di Mauro Daltin e Tito Maniacco
regia di Nicoletta Oscuro
voci di Federico Scridel e Nicoletta Oscuro
musiche di Alessio Velliscig

[Pàlcoda. Comune di Tramonti di Sotto. Provincia di Pordenone. Friuli Venezia Giulia. Abitanti nel 1914 centoventisei. Nel 1923 l’ultima famiglia a lasciare il borgo fu la famiglia Masutti. Da quell’anno nessuno ha più abitato il borgo. Nel 1944 venne ripopolato per un breve periodo da un gruppo di partigiani della “Garibaldi Tagliamento” che lo trasformò in quartier generale, una base d’appoggio ben riparata dove sostare per poi ripartire con nuove azioni. Il 9 dicembre del 1944 nevicava. La squadriglia denominata Decima Mas, nello specifico la 3° compagnia del plotone “Valanga”, sotto il comando del sottotenente Garibaldo, mette a ferro e fuoco il paese e uccide tre partigiani, Giannino, Jole e Eugenio, nomi di battaglia Battisti (comandante del gruppo “Sud), la sua compagna Paola e Sergio, mentre un’altra decina viene processata davanti alla corte marziale del “Valanga” e giustiziata il giorno dopo di fronte al cancello del cimitero di Tramonti. Tutti gli altri o riuscirono a scappare prima dell’agguato o furono consegnati al comando divisionale. Questi i fatti. Uno dietro l’altro]

Questo è l’inizio del racconto di Mauro Daltin, Se viene neve, da cui è tratta questa lettura scenica fatta anche di parole, canti, musiche. Due appuntamenti in occasione della festa per l’inaugurazione e i lavori di restauro della Chiesetta di San Giacomo a Palcoda. L’intera giornata è organizzata dal Comune di Tramonti di Sotto, dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore, Sant’Antonio Abate e San Nicolò Vescovo di Tramonti-Campone in collaborazione con le Associazioni di volontariato della Val Tramontina.

Il primo appuntamento della Bottega Errante è previsto alle ore 14, dentro il borgo che si raggiunge solo a piedi dopo una camminata di tre quarti d’ora circa a partire da Tamar, un’oretta e mezza a partire da Tramonti di Sotto. Nicoletta Oscuro e Federico Scridel leggeranno Se viene neve e altri testi che fanno parte della drammaturgia di uno spettacolo teatrale in lavorazione sulla storia di questo borgo e sulla vicenda di resistenza partigiana che nasconde. Il tutto accompagnato dalla chitarra di Alessio Velliscig.

Alle 17 ci si sposterà nel centro di Tramonti di Sotto (Sala polifunzionale della Pro Loco di Tramonti di Sotto) per dare voce a un altro borgo abbandonato, quello di Moggessa, raccontato magistralmente dalla penna di Tito Maniacco nel suo Mestri di Mont e riproposto, sulle orme di Maniacco, in un racconto di Mauro Daltin. Anche qui canti e racconti, musiche e chiacchiere faranno da cornice.

Associazione culturale Bottega Errante
Via Villalta 41- 33100 Udine
bottegaerrante@gmail.com
http://bottegaerrante.wordpress.com


Per Tess

maggio 2, 2011

Per Tess
di Raymond Carver

Giù nello Stretto le onde schiumano,
come dicono qui. Il mare è mosso e meno male
che non sono uscito. Sono contento d’aver pescato
tutto il giorno a Morse Creek, trascinando avanti
e indietro un Daredvil rosso. Non ho preso niente.
Neanche un morso. Ma mi sta bene così. È stato bello!
Avevo con me il temperino di tuo padre e sono stato seguito
per un po’ da una cagnetta che i padroni chiamavano Dixie.
A volte mi sentivo così felice che dovevo smettere
di pescare. A un certo punto mi sono sdraiato sulla sponda
e ho chiuso gli occhi per ascoltare il rumore che faceva l’acqua
e il vento fischiava sulla cima degli alberi, lo stesso vento
che soffia giù nello Stretto, eppure è diverso.
Per un po’ mi son concesso il lusso di immaginare che ero morto
e mi stava bene anche quello, almeno per un paio
di minuti, finché non me ne sono reso conto: Morto.
Mentre me ne stavo lì sdraiato a occhi chiusi,
dopo essermi immaginato come sarebbe stato
se non avessi davvero potuto più rialzarmi, ho pensato a te.
Ho aperto gli occhi e mi sono alzato subito
e son ritornato a essere contento.
È che te ne sono grato, capisci. E te lo volevo dire.