Cuzco. 16

Cuzco. 28.09.2010

Eccoci al centro del mondo. Sulla testa del puma nell’esatto ombelico di tutto per gli incas. Mi siedo proprio al centro come altre decine di migliaia di turisti che si rispettino avranno sicuramente fatto, circondato da un anfiteatro di pietre.
Sopra Cuzco, citta’ a forma di puma appunto, c’e´un posto chiamato Sacsayhuamán, un grande santuario e tempio del sole dove ad ogni solstizio d’estate vi si festeggia l’Inti Raimi, la festa di Inti, il dio del Sole.
Pietre da centinaia di tonnellate incastonate chissa’ come, un altipiano di erba gialla e secca, rocce vulcaniche lisce come uno scivolo dove i bambini si divertono a scendere come se fossero in un parco giochi. L’insieme, la veduta dall’alto, lascia gli occhi fermi per un sacco di tempo.
La croce inca, ci spiegano, ha un buco in mezzo, e da li’ esce tutta l’energia. La croce rappresenta Cuzco, il cuore, il centro di tutto. I quattro lati sono i 4 elementi: terra, acqua, fuoco e aria. Ecco, li’, seduto a scattare quattro foto, non mi rendo bene conto, ma sono in mezzo a quel buco da dove viene sprigionata tutta l’energia. E tutto ha a che fare con il sole che in questa domenica pomeriggio di fine settembre dopo aver scaldato forte le nostre teste ora si nasconde dietro nuvole nere.
A Quenco, un altro sito a un paio di chilometri di distanza, Claudio viene fermato da un ragazzo che dice di essere figlio di uno sciamano e che fra poche settimane anche lui sara’ ufficialmente uno sciamano. Lo interrompiamo subito: “Si’, ma quanto vuoi?”. Lui si offre come guida, noi decliniamo, ma insiste e blocca Claudio. Gli prende una mano e comincia a passarci sopra la sua senza toccarla. Poi lo invita a chiudere gli occhi. “Senti calore?” gli chiede. Claudio fa un cenno con la testa per dire si’. Lo sciamano, o pseudo tale, dice delle frasi sottovoce, poi chiude la mano e soffia via l’aria chiusa nel pugno. Dice: “Hai un cuore grande tu. Vivrai a lungo”. Non vuole soldi, si allontana e si siede appollaiato sopra una pietra. “Mi ha detto che vivro’ a lungo, ma con tutte le medicine che prendo… mi sa che ce l’avra’ dura a passare l’esame da sciamano” mi dice Claudio.

Siamo stati ospiti di Radio Santa Monica, una radio dove le ragazze del Centro tengono una trasmissione quotidiana di un’ora per parlare di parecchie cose, dai diritti fondamentali dell’essere umano alla situazione dei bambini lavoratori, dalle bambine invisibili delle Ande a tematiche legate all’attualita’ eccetera. Siamo rimasti a bocca aperta nel vedere la professionalita’ delle ragazze nel condurre la trasmissione, fatta anche di interviste registrate alla gente per strada, di una traduzione quasi simultanea in lingua quechua, di continui rimpalli fra loro due e Claudio, l’ospite in questo caso.
Una trasmissione veloce, frizzante, snella: un bellissimo prodotto che farebbe impallidire molti nostri conduttori radiofonici che vanno per la maggiore. Noi abbiamo parlato sul tema dell’acqua, sul nostro viaggio e sull’emergenza che si sta venendo a creare.
Vittoria, durante il pranzo, discute animatamente: “Se tu dici a un bambino cosa deve fare e come, se non gli fai mai prendere decisioni da solo, se non gli fai mai prendere delle responsabilita’, quello nemmeno da grande lo sapra’ fare. Cosi’ diventano degli automi. Paulita (cuoca straordinaria, e qui l’aggettivo non e’ superlativo, e’ reale, ndr), e’ venuta qua che aveva 40 anni e mi chiedeva ogni volta cosa volevo per pranzo o cena, che cosa doveva cucinare. Lei non aveva mai preso una decisione. Dov’era prima le presentavano il menu’ da preparare e lei eseguiva. Io le ho detto: ‘Fai quello che vuoi tu, non quello che voglio io'”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: