Buenos Aires. 1

Buenos Aires. 04.09.2010

“L’Argentina e’ il posto piu’ irreale del mondo”, mi ha detto Claudio in aereo. S¡, dopo solo due giorni penso che abbia ragione, almeno per quanto riguarda Buones Aires. Dopo poche ore, a Plaza de Mayo a vedere le madri e le nonne sfilare come ogni gioved¡ per mezz’ora. Strana sensazione, divisione fra le madri lampante e dolorosa. Ne scrivero’, credo.
Venerd¡ al quartiere Ferrari, 60 km dalla citta’, a incontrare don Jose’, prete pazzesco, militante, passionario, che ha fondato un centro per i bambini e per uno dei quartieri piu’ complicati della periferia. Ci ha raccontato del progetto Snait con il Friuli Venezia Giulia, come funziona il centro, la sua attivita’ politica nei Montoneros negli anni del Golpe. Registrato un’ora e mezza. Poi mangiato insieme a tutti loro. Tempi dilatati e racconti di mille storie.
Veniamo scorazzati a destra e a manca, qua tutti parlano di Peron, Menem, golpe, crisi del 2001. Mi pare tutto un caos, registro una sorta di sovrapposizione di avvenimenti, fatti, nodi mai risolti. Spesso, quando mi parlano di qui, mi ricordano l’Italia anche se con maggiore violenza e poverta’.
Sto finendo di leggere Le irregolari di Massimo Carlotto. Consiglio vivamente.
E poi calcio, dappertutto.
Queste solo superficiali sensazioni, impressioni del momento. Intanto prendo appunti, registro, filmo, fotografo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: